Deprecated: mysql_pconnect(): The mysql extension is deprecated and will be removed in the future: use mysqli or PDO instead in /web/htdocs/www.massimore.com/home/admin/service.files/config.php on line 22

Strict Standards: Non-static method URL::parseUrl() should not be called statically in /web/htdocs/www.massimore.com/home/index.php on line 17
Lifting verticale volumetrico - Domande e risposte
Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie: clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Ok

ringiovanire di 10 anni con il lifting

lifting verticale volumetrico prima e dopo 01-04-2016
Chirurgia estetica del viso


Il lifting verticale volumetrico - DOMANDE E RISPOSTE


Che cosa si intende per volto giovane e come si modifica nel tempo?

Il volto giovane è tonico, pieno, ha volumi alti, è ben definito, presenta guance alte e la parte sotto gli occhi gonfia che risalta e ha un colore tendenzialmente rosa pesca.

Con il passare del tempo però iniziano a formarsi i primi solchi sul viso e compaiono le prime rughe ed in più la forza di gravità tende a spingere verso il basso: quindi tutte le parti non ancorate alle ossa tendono a scendere (guance, sopracciglio, punta del naso) e tutto questo trasforma il viso giovane in un viso invecchiato.

Che cosa si intende lifting verticale volumetrico?

Il lifting VV E’ una procedura chirurgica non invasiva che non elimina le rughe ma che riporta verso l’alto tutti quei tessuti che con il tempo, e per effetto della gravità, sono scivolati verso il basso (ptosi).

Il risultato è molto naturale perché riporta anche il sopracciglio dal basso verso l’alto e dal punto di vista estetico il paziente appare più giovane di diversi anni.

Quale tecnica operatoria si utilizza nel lifting verticale volumetrico?

Si eseguono dei tagli molto piccoli che rimarrano invisibili perché sono localizzati nel cuoio capelluto e sotto le palpebre: in questo modo si può arrivare fino allo strato osseo senza danneggiare nervi o vasi sanguigni.

Successivamente vengono riportati in alto i tessuti dove vengono ancorati con dei fili di sutura.

Esiste il rischio che che il viso sembri tirato quasi da annullare l’espressività della persona?

Questo rischio con le nuove tecniche non esiste in quanto era tipico della chirurgia plastica facciale eseguita in passato e che impiegava procedure ormai obsolete e abbandonate: si operava infatti in modo laterale annullando l‘espressività del volto.

Ci sono alcuni tipi di volti che non possono essere sottoposti a questo intervento?

Assolutamente no, l’intervento è adatto anche a coloro che hanno una pelle sottile poichè si agisce su uno strato molto profondo.

Quali precauzioni occorre seguire nel decorso post-operatorio?

Per le prime due settimane è meglio non mostrarsi in pubblico perché gli effetti si otterranno circa dopo un mese.

Quand’è il periodo migliore per sottoporsi ad un lifting?

Sicuramente non nei mesi caldi quando è più alto il rischio di esposizione al sole, quindi l’ideale sarebbe di farlo in autunno/inverno.

FOTO PRIMA E DOPO LIFTING